Una biografia?

28 giugno 2019
Biografia?
 
 
 
UNA BIOGRAFIA?
 
 
"Dovresti mettere una biografia..." mi hanno consigliato... Mah... di solito le biografie e i curriculum, così farciti di auto-certificazioni, straordinari successi, traguardi raggiunti, addirittura notizie e misure personali (che non interessano a nessuno!) sono tanto comici. Si, fanno molto "personaggio" ma puzzano... è un odoraccio misto di passato (quindi scaduto) e pienezza di se stessi (davvero fuori misura). Gente che "si crede" ce n'è davvero tanta... quindi la biografia di Angelo è sostituita da questo comunicato, contenente alcune verità che è inutile nascondere.
 
Angelo non è uno scrittore, un poeta, un attore, in una parola: non è un artista.
 
Non ha frequentato scuole o accademie ad indirizzo spettacolo-umanistico-teologico.
 
Non è stato allievo o collaboratore di personaggi famosi: neanche di non famosi... nemmeno di personaggi.
 
Non vanta rappresentazioni davanti a Papi, Cardinali o altre personalità.
 
Non è mai stato in televisione, tanto meno quella cattolica, e non gli importa di andarci.
 
Non cercate i suoi testi nelle librerie (religiose e non) e non rovistate quotidiani, settimanali, mensili (in particolare di ispirazione cristiana) per trovare qualcuno che parli di lui, non c'è niente.
 
Non ha partecipazioni particolari a grandi manifestazioni né premi. L'unico prestigioso riconoscimento alla carriera è l'esclusione da tutto: festival di teatro sacro del nulla e dell'ipocrisia umana, appuntamenti cattolici che contano, giornate mondiali, nazionali, diocesane, giubilei, sinodi...
 
Non ha un fans club, amici-cuoricini-mi piace, non fa parte di alcuna associazione, compagnia, ordine, movimento, congregazione, corrente, tendenza...
 
Non ha alcuna intenzione di lanciare messaggi, istruire, predicare, sensibilizzare i giovani e le giovani famiglie, educare, animare gli animatori, provocare meditazioni, dare testimonianza, raccontare conversioni, visioni, perseguitare nel perseguire un ideale...
 
Visto che non lo è, non ha segni particolari da artista: anelli, orecchini, tatuaggi, piercing, codini, fare strampalato, citazioni teatrali, puzze sotto al naso, occhi trasognati, abiti o stravaganti o dimessi, troppo pulito o troppo poco...
 
E due figlie meravigliose (tipo jessica e samantha) che adora? No, non le ha...
 
Non fa finta nemmeno di essere simpatico...
 
Provvede personalmente al trasporto, carico e scarico, allestimento, programmazione e ad ogni altro lavoro prima, durante e dopo l'incontro teatrale...
 
A proposito: le serate con lui sono, nel 99,99% dei casi, ad ingresso libero... e c'è sempre posto...
 
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Informativa sulla privacy e cookie